Scopri i Misteri del Castello di Gropparello ….”La Compagnia Invisibile” di Gianfranco G. Gibelli

IL LIBRO

Cosa abbia spinto Gianfranco Gibelli, dipendente di una ditta informatica, ad abbandonare l’ormai consolidata routine della propria vita milanese per lanciarsi in quest’avventura lo si capisce solamente se si accetta che esistano passioni più forti della ragione: quegli scatti della mente e del cuore, riconducibili al classico colpo di fulmine, che ti convincono – magari non proprio in un attimo – a fare i bagagli, caricare in macchina la  famiglia, e cambiare tutto. Certo, ci voleva anche la volontà – o forse la complicità – della moglie Rita, restauratrice di strumenti antichi, per dare vita a un’impresa che si è presto rivelata fonte di scoperte continue, tanto da rendere evidente la necessità di raccoglierle in un libro.

«Sapevamo che il Castello era appartenuto a famiglie prestigiose fin dall’epoca carolingia – racconta l’autore – ma solo col tempo abbiamo scoperto altri tipi di segreti e leggende, come quella di Rosania Fulgosio, castellana morta per mano del marito Pietro da Cagnano». Come si evince dal romanzo, i nuovi abitanti del castello non sono persone che si lasciano suggestionare facilmente. In particolare, un matematico che ama filosofeggiare come Gibelli non può accettare senza combattere di avere a che fare con quelli che qualcuno chiamerebbe fantasmi. Eppure, tra le sale e gli angoli bui di Gropparello succedevano cose davvero inspiegabili. «Dal solaio, attraverso un tetto molto antico, sentivamo un passo pesante e un classico suono di trascinamento. Ma sulla polvere del pavimento non c’erano impronte. L’attrezzatura del personale di servizio spariva di continuo in maniera misteriosa. Stava diventando un problema anche trovare qualcuno che fosse disposto a lavorare qui».

È inutile dire che questi e altri episodi sono solo una parte delle vicende descritte in un romanzo che – come assicura Roberta Manuali di Bastogilibri – si lascia leggere tutto d’un fiato e rappresenta un’occasione per conoscere un po’ più a fondo un luogo che – affollatissimo di spiriti di ogni epoca – sembra essere lì da sempre e forse anche da prima della sua stessa esistenza, da quando i Celti ne avevano scelto la terra come luogo di culto, nel IV secolo a.C. Ma questa è un’altra storia. O forse una delle tante de “La Compagnia Invisibile”.

Castello di Gropparello, uno dei più antichi castelli d’Italia. Nel 1994 Gianfranco Gibelli, autore del romanzo, divenne proprietario di questa splendida fortezza, e… dei suoi misteri.
Il Castello, come poi si seppe, era “abitato” da strane presenze, conle quali lui e la sua famiglia dovettero presto imparare a convivere. Della leggenda della giovane castellana Rosania e della di lei morte avvenuta forse per mano del marito Pietro da Cagnano, l’autore narra nel suo primo romanzo autobiografico, Indagine su una presenza inquietante. Ma pian piano, nello scorrere degli anni, una visione molto più ampia e ben più densa di significati si venne a sovrapporre alle poche verità storiche finora conosciute. Davvero Pietrone uccise la moglie per gelosia? Oppure quella sparizione e i fatti che ne conseguirono sono legati a più gravi motivi? Pietrone partì davvero per una Crociata, su invito della Chiesa? Quale segretosi nasconde nella sua vita, da quel momento in poi? Perché mezzo secolo dopo il vescovo Fulgosio, discendente di Rosania, si appropriò del castello inserendolo nel patrimonio della sua famiglia? Perché i nazisti, appassionati di esoterismo, occuparono in forze ilcastello durante la Guerra? Perchè murarono una parte consistente delle antiche cantine? Che cosa si nasconde veramente dietro questi muri?…

Sono tante le domande le cui risposte restano celate dietro il velo della storia minuta, quella senza testimoni… naufragando nelle nebbie del tempo. Ma solo chi vive, ama e cerca di capire nel profondo questo luogo così affascinante e antico, può forse trovare nell’intuizione e nella convivenza con esso una nuova verità.

L’AUTORE

Gianfranco Giorgio Gibelli è nato a Milano, dove ha conseguitopresso l’Università degli Studi la Laurea in matematica, materia che lo affascinava dal punto di vista filosofico come “arte del ragionamento”, secondo la concezione umanistica rinascimen-tale. Appassionato cultore di musica, filosofia, psicologia, esoterismo e affascinato da tutti gli aspetti misteriosi della storia, scrive il suo primo “thriller autobiografico” durante il liceo, basandosi su un fatto misterioso in cui si era trovato coinvolto l’estate precedente. Dopo una breve esperienza come assistente volontario alla cattedra di Analisi Matematicae di insegnamento in Liceo, entra in una grande aziendainformatica multinazionale occupandosi di formazione del personale. Nel 1993 avviene l’incontro con il Castello di Gropparello: è “amore” a prima vista; riesce ad acquistarlo andadovi ad abitare con la moglie Maria Rita e con le figlieChiara e Francesca e dedicandosi a valorizzare con varie attività la storica dimora e ad indagarne gli ancora numerosi aspetti misteriosi. La Compagnia Invisibile è il suo secondo romanzo pubblicato.

 

Autore: GIANFRANCO G. GIBELLI

LA COMPAGNIA INVISIBILE

EDITORE  BastogiLibri

Prezzo: 20,00 euro
Pagine: 432
Formato: 15 x 21, Brossura

ISBN/EAN: 978-88-5501-001-6

Collana: Percorsi Narrativi

La Compagnia Invisibile: Incontro con l’Autore con visita guidata “speciale” al Castello

Newsletter
  • Newsletter





    Iscriviti alla nostra newsletter e rimani sempre aggiornato!






    Ho letto l’Informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati che fornirò